myfunny


nuovo blog, e non fate domande.
agosto 25, 2007, 11:59 am
Archiviato in: Uncategorized

link



racconto: test#2.
marzo 8, 2007, 4:57 pm
Archiviato in: #racconti, egorama

[trattandosi del seguito ideale di test#1 io, fossi in voi, gli darei un'occhiata prima di leggere questo. ma è quello che farei io, sia chiaro. non pretendo certo di dettare legge sul mio blog.]

Struttura della prova.
Data la descrizione di un breve episodio, il candidato dovrà rispondere mediante un “sì” o un “no” ad una semplice domanda. Nel farlo, è opportuno che il candidato non finga di dimenticare come egli si ritenga una persona tutt’altro che invidiosa, o che gli sia capitato almeno una volta di compiere un furto di lieve entità senza ritenere di meritare una sanzione. Inoltre, il candidato dovrebbe sforzarsi di ricordare di essere ateo: quindi, niente provvidenza, niente giustizia divina. Un’ingiustizia va punita, ma una disgrazia che accade ad un colpevole resta una disgrazia.

Un breve episodio.
Un’utilitaria si ferma nel parcheggio di un autogrill; ne scendono un uomo e una donna. La donna, sui cinquantacinque anni portati decentemente, ma nel complesso non troppo attraente, sembra piuttosto soddisfatta. Un residuo di quella che non è difficile immaginare come un’espressione corrucciata portata per lungo tempo, abituale come la costante ricerca di motivi per giustificarla, è tuttavia ancora presente. Non appena l’idea le si affaccerà alla mente, la donna valuterà seriamente la prospettiva di un divorzio, e desisterà soltanto dopo i consigli di un costoso avvocato, e soltanto per motivi di convenienza economica.
L’uomo, nonostante cerchi visibilmente di partecipare all’entusiasmo della donna, mantiene una mimica nervosa, a tratti spaurita: pupille mobili, mordicchiamenti della parte interna delle guance, mani che non trovano pace, cercano conforto l’una con l’altra, non trovandolo si accaniscono contro la cravatta, il bavero, le chiavi nella tasca. Continua a leggere



recensione (?) – il grande capo, lars von trier.
marzo 7, 2007, 10:45 pm
Archiviato in: #movies, artz!, egorama, recensioni, things i like

[il punto interrogativo trova giustificazione per la sua esistenza nel fatto che temo spenderò più tempo a parlare di cose come me stesso, le condizioni in cui ho visto il film, il fatto che l'unica altra persona che era nella sala con (indovinate?) me mi ha fatto sentire tremendamente intellettuale, eccetera, che del film. siete avvertiti.]

e insomma venerdì scorso sono rocambolescamente riuscito a vedere uno dei film per i quali ho deciso di rimandare il suicidio di un mese (l’altro è INLAND EMPIRE, e nessuno dei miei tentativi di raggiungerlo ha avuto successo, quindi temo consumerò il vostro ossigeno ancora per qualche mese, ovvero fin quando l’Abruzzo farà ammenda per la sua oscena programmazione cinematografica con un festival pieno di parruccone cinquantenni – cinquantenni nel loro personalissimo mondo – che, con le loro chiome fresche di parrucchiere, mi costringeranno come ogni anno ad improbabili movimenti con la testa per raggiungere lo schermo), ovvero “il grande capo”, di Lars von Trier. che (ta-dah!) non mi ha deluso. ma ora, ordine e disciplina: questa è la locandina del film, con cui lars si prende una pausa dalla sua trilogia americana [1]:

locandina de il grande capo

la trama, immagino l’abbiate letta e riletta: quindi, che male può farvi leggerla una volta in più?

bene: c’è questa software house danese. nessuno, all’interno, conosce l’identità del proprietario, che si manifesta soltanto attraverso e-mails, e che sembra avere per ognuno un’identità diversa: le sue decisioni vengono riferite al resto dello staff da uno dei suoi membri. che, in realtà, è il capo. e che usa questo sistema per prendere liberamente decisioni impopolari sui sui dipendenti, rimanendo al contempo un collega stimato fin quasi all’adorazione. volendo vendere l’azienda ad una compagnia islandese, il grande capo ha bisogno di una controfigura che firmi il contratto per lui. e assume questo attore improbabile.

dicevo, il film non mi ha deluso. sono tra quelli che “hanno avuto esattamente ciò che si aspettavano”, se devo scegliere una delle categorie in cui von trier divide i suoi spettatori, nell’ultima delle numerose parentesi meta- sparse per il film. ma non in senso negativo: mi aspettavo:
1.un film di von trier;
2. una commedia;
3. una parodia, o uno studio, del genere “commedia”.
e questo, vorrei che fosse chiaro, non è un giudizio – seppur blandamente e amichevolmente – negativo sul film, che anzi mi ha dato anche qualcosa in più, permettendomi non solo di non rimanerne deluso ma di uscire piacevolmente sorpreso dalla sala:
1. è un bellissimo film di von trier;
2. è una commedia la quale, come commedia, è credibilissima, nonostante (3.) sia uno dei film più metaqualcosa che io abbia mai visto, e forse uno di quelli in cui questa metaqualcosità è meno invadente. insomma: quando von trier dice “è una commedia”, credetegli. non è come quando ha detto: “è un musical”.
Continua a leggere



myfunny loves babelfish.
febbraio 27, 2007, 4:21 am
Archiviato in: discarica, tech, things i don't like

per la serie: modi intelligenti per passare una nottata.

Aggiungete la traduzione dei pesci de Babele vostra situata. Suggerimento: Confronta la traduzione con la produce che lo rende clic sul collegamento prevede la lingua di li produce in una traduce il fotoricettore della pagina.

ecco cos’accade traducendo un simpatico consiglio d’uso di babelfish in inglese, e poi ritraducendolo in italiano. con babelfish, naturalmente.

uh, l’originale è questo:

Aggiungi Babel Fish Translation al tuo sito.
Suggerimento: Confronta la traduzione con l’originale facendo clic sul link Visualizza la lingua dell’originale in una pagina web tradotta.



recensione – saturno contro, ferzan ozpetek.
febbraio 26, 2007, 4:14 pm
Archiviato in: #movies, artz!, recensioni

e insomma da tempo non mi capitava di vedere un film italiano che fosse anche utile. e mi è successo l’altro ieri, con questo saturno contro. ecco la locandina:

saturnocontro.jpg

ora: dato che sto seguendo un corso di critica cinematografica per corrispondenza (ventuno uscite, con ogni numero un pezzo degli occhiali di Enrico Ghezzi), provo a cominciare come si dovrebbe, ovvero con cast e sinossi.

Davide (Pierfrancesco Favino, in una delle sue interpretazioni migliori) è uno scrittore. vive con il suo compagno Lorenzo (Luca Argentero), in un appartamento (che ho scoperto essere, in realtà, quello del regista) nel quale è solito riunirsi un folto gruppo di amici, tutti più o meno in crisi: Antonio (Stefano Accorsi), sposato con Angelica (Margherita Buy, splendida come sempre), con due figli abbastanza mostruosi da essere realistici ed un’amante di nome Laura (Isabella Ferrari); Nival (Serra Yilmaz, già presente in le fate ignoranti e la finestra di fronte), moglie ed aguzzina del poliziotto vagamente sociopatico Roberto (Filippo Timi); Sergio (Ennio Fantastichini) – che, come spiegherà lui stesso alla madre di Lorenzo, è “frocio, non gay. sa com’è, sono all’antica”; e Roberta, astrologa dilettante e tossicodipendente, interpretata da una stupefacente Ambra Angiolini (prima vedete il film: poi, se è il caso, tornate qui e ridete).

e insomma ci sono cose che assomigliano ad un gruppo in crisi, e c’è Lorenzo, che fa di tutto per tentare di tenerlo assieme. Roberto è una di quelle persone che è felice solo quando tutti, attorno a sé, sono felici. e infatti, durante una cena, entra in coma.
Continua a leggere



racconto: test#1.
febbraio 23, 2007, 7:37 pm
Archiviato in: #racconti, egorama

[quella che segue è la rielaborazione di un racconto originariamente pubblicato sul mio vecchio blog, e scomparso con la sua cancellazione - avete presente la morte della filologia? ecco, qui rimangono solo il tema centrale e, a grandi linee, l'episodio narrato. l'ho inserito in una cornice pseudo.accademica, ho intenzione di scrivere altre cose del genere, un giorno.]

Struttura della prova.

Data la descrizione di un breve episodio, il candidato dovrà rispondere concisamente ad una semplice una domanda. La risposta potrà essere comunicata alla commissione d’esame in forma scritta o orale. In alternativa, il candidato può evitare di esprimere formalmente la risposta, tenendola per sé: la scelta dell’una o dell’altra modalità non influiranno in alcun modo sulla valutazione della prova.

Continua a leggere



post prescindibile e tremendamente autoreferenziale.
febbraio 22, 2007, 7:55 pm
Archiviato in: meta

ecco, ieri ho raggiunto il quantitativo di novità meta necessario a riempire un post.

eccole:

1. ieri, per la prima volta, ho raggiunto le cento visite. la maggior parte delle quali, si sono verificate prima che pubblicassi il post del giorno. ed erano tipo cinque tre giorni che non compariva un update. e sono stato come colto dal dubbio che questo fosse in realtà un messaggio mandatomi dagli internauti: “sì, myfunny, siamo anche disposti a visitarti, se in cambio smetti di scrivere”;

2. pare che un mio racconto, comparso su questo blog, sarà pubblicato sul prossimo numero di mente locale. una rivista sicuramente meno peggiore di molte altre, nonostante il suo sito, che usa flash 9 per far fare “bling” al cursore quando questo passa su un link. la rivista uscirà, se non mi hanno mentito, il cinque marzo, alla modica cifra di tre euro: con il costo di tre copie comprate “running dog” di delillo; ma volete mettere leggere un racconto di myfunny su carta? uh, so per certo che mente locale è reperibile presso la feltrinelli di pescara, se maurizio ripassa di qui e vuole aggiornare i lettori sulla distribuzione glie ne sono grato.

3. io voglio sposare un buon 90% di coloro che arrivano sul mio blog via google. riporto, a titolo di esempio, alcune delle migliori chiavi di ricerca degli ultimi due giorni.

orgia satanica
vedere video scandalo sesso in classe
itc capriotti nuovo video sessuale
come vendere l’anima a satana
immaggini [sic] rapporto sessuale in classe

(anche se in effetti credo che questo post provochi una specie di reazione a catena, ma vabe’. uh, a proposito: cari studenti di scuole medie e superiori, odiate la vostra prof? palpeggiatela! non solo voi non sarete perseguiti per molestie, ma lei dovrà rispondere all’accusa di corruzione di minori. geniale.)




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.